LinkedIn Ads: come funziona e come può far crescere il tuo business

LinkedIn è dal 2006 la piattaforma maggiormente utilizzata per la ricerca di lavoro e di personale, è il sito che permette di stringere e mantenere rapporti professionali fondamentali per il nostro business.

Se intendi costruire delle campagne marketing su LinkedIn, è necessario capire come funziona LinkedIn Ads e il LinkedIn Marketing in generale.

Per prima cosa, come abbiamo detto, il focus principale degli utenti di LinkedIn è trovare connessioni lavorative, quindi perché le campagne LinkedIn Ads funzionino, devono necessariamente proporre servizi che facilitino il lavoro dell’utente o che rispondano alle curiosità e ai dubbi in modo mirato. Solo così i contatti potranno convertirsi facilmente in potenziali clienti e quindi gli investimenti di tempo e denaro non saranno stati vani. 

Per costruire una campagna Ads LinkedIn che funzioni è utile stabilire un target di riferimento.

Uno dei punti a favore di LinkedIn è proprio quello di permettere una costruzione definita del target attraverso le informazioni che si possono ritrovare nei profili personali o aziendali come:

  • Professione
  • Settore professionale 
  • Grado di esperienza 
  • Skills
  • Gruppi linkedin a cui si è iscritti 
  • Nome, grandezza e dislocazione di una azienda

Vediamo nel dettaglio come funziona LinkedIn Ads.

LinkedIn Ads: come funziona 

Per costruire una campagna Ads LinkedIn dobbiamo partire dal presupposto che non possiamo attuare direttamente un’operazione di vendita diretta, magari creando un’inserzione che richieda già una call to action all’utente, questo non funzionerebbe. 

Linkedin funziona come una vetrina in cui l’obiettivo principale è rendersi visibili e incuriosire, affinché siano gli utenti stessi ad indagare sulla nostra offerta. 

Gli elementi essenziali per costruire una qualsiasi campagna social sono tre e possono essere riassunti con l’acronimo inglese AMO, ossia: 

1. Audience 

Come abbiamo visto, capire chi è il nostro pubblico e quali sono le sue necessità, ci aiuterà a inquadrare il servizio da offrire e il metodo migliore per comunicarlo.

2. Message 

È l’insieme delle immagini e del formato che utilizzi per divulgare la tua offerta, affinché sia accattivante.

È importante utilizzare i colori giusti e il linguaggio migliore per il nostro pubblico.

3. Offer 

È la parte più importante.

L’offerta che usi per attirare l’attenzione che ti porterà a generare nuovi possibili clienti.

Assicurati di presentare un valore forte che convinca l’utente a cliccare ed investigare sul tuo business e a fornirti i propri dati personali. 

Un’offerta che incita solamente ad una call to action come “clicca qui per avere un preventivo” non funziona. 

Potresti offrire ad esempio delle guide, un eBook o webinar gratuiti che rispondano alle esigenza del target a cui ti riferisci. 

L’importante è capire quale problema deve risolvere il tuo cliente e fornire una risposta con un assets funzionale.

Che sia in una guida di 3 minuti o in un webinar di 30, è fondamentale fornire risposte alle domande del cliente e mantenere le promesse dell’offerta iniziale. 

È bene monitorare sempre le proprie campagne e aggiornarle di tanto in tanto per non far crollare l’interesse e di conseguenza i clic ricevuti.

Uno strumento utile in questo caso è Google Analytics, il tool di Google totalmente gratuito che ti fornisce statistiche e dati chiari sulle tue business activity.

Campagne LinkedIn Ads: costi 

Costruire campagne LinkedIn Ads richiede degli investimenti maggiori rispetto ad altre piattaforme, ma se il tuo obiettivo è quello di lavorare su predizioni di profitto a lungo termine, questa è il social adatto. 

Stabilire un budget, controllare gli effettivi tassi di conversione, può aiutarti a capire se la tua campagna su LinkedIn sta funzionando. 

Esistono due principali metodi di pagamento per le proprie campagne LinkedIn Ads: 

  1. CPC (Cost Per Click) In cui l’addebito avviene solamente quando qualcuno. È possibile con questo metodo stabilire un budget massimo di spesa per ogni click.
  2. CPM (Cost Per 1000 Impressions) utile soprattutto per calcolare il numero di click per annuncio. Con questa opzione il pagamento avverrà solamente ogni 1000 click e avrà un costo fisso. 

Non esiste un costo prestabilito su LinkedIn, ma nel momento di creazione di una campagna LinkedIn Ads, verrà mostrato un intervallo di offerta che fornisce una panoramica delle offerte degli altri inserzionisti che competono con il nostro business. 

Migliore sarà la tua offerta, più saranno le probabilità che l’utente clicchi sulla tua inserzione e possa così diventare un nuovo cliente. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *